Un raggio di speranza


E da un po’ che seguo con molta attenzione le iniziative europee per la digitalizzazione degli archivi che intende rendere accessibili a tutti e preservare per le generazioni future l’insieme delle risorse culturali e scientifiche europee: libri, periodici, film, mappe, fotografie, musica ecc., iniziative che questo sito condivide a pieno.

Nel mio piccolo (veramente piccolo) ho cercato di richiamare l’attenzione sulla necessità di rendere accessibili a tutti le opere restaurate del cinema muto italiano, quelle che aspettano un restauro nei magazzini degli archivi (ed altre che non si sa che fine abbiano fatto, con la speranza di ritrovarle).

Lo scorso mese di gennaio, il Comitato dei Saggi dell’Unione Europea in materia di digitalizzazione del patrimonio culturale presentava una relazione dove sollecitava agli Stati membri a intensificare i loro sforzi per mettere online le collezioni di biblioteche, archivi e musei. Tutte queste opere diventeranno disponibili nel portale Europeana, punto di riferimento centrale per i Beni Culturali europei:

Gli Stati membri devono garantire che tutto il materiale digitalizzato con il finanziamento pubblico è disponibile sul sito, e portare tutti i loro capolavori di pubblico dominio in Europeana entro il 2016. Le istituzioni culturali, la Commissione europea e gli Stati membri dovrebbero promuovere attivamente e ampiamente Europeana.

Opere che sono coperte da copyright, ma non sono più distribuiti commercialmente, hanno bisogno di essere portate in linea. Spetta in primo luogo il ruolo dei titolari dei diritti di digitalizzare queste opere e di sfruttarle. Ma, se i titolari dei diritti non lo fanno, le istituzioni culturali devono avere una finestra di opportunità di digitalizzare il materiale e metterlo a disposizione del pubblico, per i quali i titolari dei diritti dovrebbero essere remunerati.

Le norme UE per le opere orfane (i cui diritti i titolari non possono essere identificati) devono essere adottate al più presto. Il Rapporto definisce otto condizioni fondamentali per qualsiasi soluzione.

Gli Stati membri devono aumentare considerevolmente i loro finanziamenti per la digitalizzazione al fine di generare occupazione e crescita in futuro. I fondi necessari per costruire 100 km di strade pagherebbe per la digitalizzazione del 16% di tutti i libri disponibili nelle biblioteche dell’Unione europea, o la digitalizzazione di ogni pezzo di contenuti audio in istituzioni culturali degli Stati membri dell’UE.

I partenariati pubblico-privato per la digitalizzazione devono essere incoraggiate. Essi devono essere trasparenti, non esclusiva ed equo per tutti i partner, e deve tradursi in un accesso transfrontaliero al materiale digitalizzato per tutti. uso preferenziale del materiale digitalizzato concesso al partner privato non deve superare i sette anni.

Per garantire la conservazione delle collezioni nel loro formato digitale, una seconda copia di questo materiale culturale dovrebbero essere archiviate in Europeana . Inoltre, un sistema dovrebbe essere sviluppato in modo che ogni materiale culturale che ha ora bisogno di essere depositati in diversi paesi, sarebbe solo una volta depositato.

Le raccomandazioni del ‘ Comitato dei Saggi ‘ andranno ad alimentare la più ampia strategia della Commissione, sotto l’ Agenda digitale per l’Europa per aiutare le istituzioni culturali di garantire la transizione verso l’era digitale e per la ricerca di efficaci business modelli e nuovi che consentono di accelerare la digitalizzazione, consentendo una remunerazione equa per i titolari dei diritti, se necessario (vedi IP/10/581 , MEMO/10/199 e MEMO/10/200 ). Le raccomandazioni saranno anche utili per pianificare la Commissione a sviluppare un modello di finanziamento sostenibile per Europeana entro il 2012.

Oggi europeana.eu già offre accesso a oltre 15 milioni di libri digitalizzati di più, mappe, fotografie, filmati, dipinti e brani musicali, ma questa è solo una parte delle opere detenute da istituzioni culturali di Europa (cfr. IP/10/1524 ). La maggior parte dei materiali digitalizzati sono più vecchie opere di dominio pubblico, al fine di evitare potenziali controversie legali per le opere coperte da copyright.

Potete leggere l’intera relazione qui.

Un paio di giorni fa, Luke Mckern del sito The Bioscope in qualità di “moving image curator” della British Library ha partecipato alla conferenza Screening the Future 2011: Nuove strategie e sfide nei servizi di archiviazione audiovisiva, organizzato da PrestoPrime e PrestoCentre. Non potrei aggiungere niente perché non ero presente all’evento. Vi rimando al suo post.

Come dicevo: un raggio di speranza, anzi due.

Informazioni su thea

Archivio del Cinema Muto - Silent Film Archive
Questa voce è stata pubblicata in Archivi e Cineteche, Notizie e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.