L’angelo ferito di Alvaro e Santucci – Meteora Film 1927


Corrado Alvaro, Ermete Santucci

Corrado Alvaro, Ermete Santucci 1927

«Roma, febbraio 1927. Mi vengono in redazione due signori enormemente dinamici. E intelligenti anche.

Dio grazia! Con tante visite di mezzi scemi!

Uno di questi è Ermete Santucci, nipote del Commendator Filoteo Alberini, fondatore, come ognuno sa, della vecchia gloriosa Cines e inventore di un apparecchio da presa (venduto, naturalmente, per necessità agli americani) che permette di ritrarre con un angolo di 90 gradi, anziché di 45 ch’era il massimo che si poteva sino a ieri.

Il giovane Santucci è un innamorato (ed un intelligente innamorato) della cinematografia ed un bel giorno decise di fare anche lui qualche sforzo in pro della cinematografia italiana. Gli piace fare le cose sul serio quindi pensò subito di affidare la confezione di un soggetto italianissimo a persona veramente capace, rifuggendo dai soliti mestieranti smidollati.
Incontra Corrado Alvaro che prendeva il sole al Pincio e lo assale:

— Tu mi devi fare un soggetto cinematografico…
— Ma io non mi sono mai occupato di cinematografo!
— Non fa nulla. Conosco bene il tuo genio inventivo e la tua vena poetica. O il soggetto o la morte. Di qui non si scappa.
Il povero Alvaro ebbe paura e… si accinse con l’entusiasmo del neofita e con la coscienza dello scrittore di razza a… Fu così che venne fuori questo Angelo ferito, che, se bene eseguito (e non ne dubitiamo data la serietà con cui gli artefici hanno iniziata l’opera) riuscirà un onorevole film.
A Gyuricza Janos, apprezzato operatore cecoslovacco, è affidata la parte fotografica. Gli interpreti sono: Almonte Cinalli, una vera speranza, Lie Brieux distinta attrice francese, il bravo Laici, il Reisner Von Kolman, la graziosissima Isa Dora e Mario Canale. Come si vede: film internazionale in atto.»

Sul set in Trivigliano

Si gira a Trivigliano L’Angelo ferito, da sinistra a destra: Canale, Laici, Gyuricza, Santucci, Brieux, Folietto, Isa Dora, Cinalli

Debutto di Corrado Alvaro come soggettista-sceneggiatore, e di Ermete Santucci come produttore e regista.
Girato in esterni a Trivigliano (Ciociaria), l’unica copia fu venduta a un “distributore americano” e presentato con molto successo tra le comunità ciociare delle due Americhe. Così racconta Ermete Santucci, ma non dice niente del negativo. Dopo questo Angelo ferito, Santucci girò in Abruzzo due documentari: L’Abruzzo in fiore e Maggiolata abruzzese.
Secondo Vittorio Martinelli, non si trova il visto di censura, quindi il film non sarebbe uscito in Italia, ma sono sicura che una volta ritrovato il film c’è sempre qualche visto di censura disponibile per ogni evenienza…vero Pierluigi?

Una scena del film L'angelo ferito

L’angelo ferito, Meteora 1927

Informazioni su thea

Archivio del Cinema Muto - Silent Film Archive
Questa voce è stata pubblicata in Cronologia 1927, film scomparsi e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a L’angelo ferito di Alvaro e Santucci – Meteora Film 1927

  1. Buonasera, ricercando su internet Corrado Alvaro, mi sono ritrovato sul vostro sito con il titolo di questo film, che ricercavo. So, come è anche scritto che è stato venduto ad un triviglianese che l’ha portato in Argentina.
    Voi avete altre notizie di questo film e se si può trovare? La Fondazione Corrado Alvaro è interessata a tutto quello che è disperso di Alvaro e domandiamo se avete altri film, o altro materiale, di Alvaro.
    Grazie.
    Il segretario Sebastiano Romeo

  2. ylcm ha detto:

    Per il momento non ho molte notizie sul film, ho pubblicato le fotografie per aiutare nella ricerca. Non si sa mai, internet fa miracoli.
    Grazie molte a lei per la visita.

  3. Grazie. Speriamo che qualcuno veda e possa aiutarci nelle ricerche.
    Saluti.
    Fondazione Corrado Alvaro

  4. thea ha detto:

    Come vedi (a luigi) il film lo ricercava anche lui, quindi lo ricercavano tutti…

  5. pino colosimo ha detto:

    Avete novità su l’angelo ferito di alvaro. Io non riesco proprio a trovarlo. Pino Colosimo

  6. thea ha detto:

    Ma dove lo ha cercato lei? Nelle cineteche?

I commenti sono chiusi.