Tag: Vincent Dénizot

Si gira a Milano Il fabbro del convento

Il Fabbro del Convento Milano Films

Milano, 16 luglio 1921

Sotto la vigile e intelligente direzione dell’avv. Nino Valentini-Perugia, che ha assunto la Direzione artistica generale della Milano-Films, nel cui stabilimenti il celebre Deed, contemporaneamente, sta allestendo L’uomo meccanico: fervore di scenografi, di carpentieri, di muratori, di pittori, nel ricostruire ambienti ed edicifii. L’ampio spiazzale su cui sorgono i due magnifici teatri di posa è oggi irriconoscibile, nella sua nuova veste: ecco la facciata della Cour-Dieu, ed ecco accanto a questa, semi nascosta dal fogliame degli alberi, la rozza facciata dell’officina del Fabbro, con le mura inserite dal fumo e scalcinate dal tempo, con le caratteristiche finestre sgangherate e in rovina; ecco un minuscolo angolo della vecchia Parigi, con le sue stridette malconcie, e le insegne sulle porte; ecco la sezione di un teatro, con le sue file di palchi sfolgoranti di addobbi e dorature; ecco un salone ricchissimo. Pare una strana fiera! E a rendere più strana e animata la fiera, ecco una folla varia e variopinta di sanculotti, di gendarmi, di nobili in parrucca e spadino, di dame in guardinfante!

Due operatori girano ininterrottamente; e ininterrottamente tuona la voce rimbombante di Dénizot, il Direttore artistico! E attraverso le stradette della minuscola Parigi, nell’officina del Fabbro, sotto l’arcata principale della Cour-Dieu, nel palazzo principesco, in un palchetto del teatro, dappertutto, mescolato ai sanculotti, sgusciante tra i gendarmi, apparendo di dietro il guardinfante di una dama, l’avv. Nino Valentini, sempre in moto sempre dappertutto, abbronzato dal sole e arrochito dal gridare, vigile sempre, pronto, instancabile! L’avv. Valentini si è assunta una grave responsabilità con l’addossarsi la Direzione artistica generale di questo Fabbro del convento, che vuol essere, e sarà certamente, uno dei grandi lavori della produzione italiana di quest’anno: l’avv. Valentini ha il talento e l’energia necessaria, e anche la preparazione artistica per riuscire! E aspetta a lui, e all’avv. Giulio Riva, amministratore delegato della Milano-Films, il merito di aver messo in lavorazione questo grandioso soggetto, che riporterà la vecchia editrice milanese alle sue belle tradizioni, e offre oggi l’esempio di una salda volontà e di una ferma fede in questo pavido piegar di braccia dei nostri industriali, e più pavido serrar cordoni delle nostre borse.