Archivi tag: Bartolomeo Pagano

Visioni bibliche sulle rive del Po

Non è di tutti i giorni la possibilità di vedere come si “gira” una scena cinematografica all’aperto e la novità metteva in allegria gli spettatori che seguivano con attenzione tutti i preparativi. Continua a leggere

Pubblicato in Cronologia 1928, Film, film ritrovati | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Addio a Bartolomeo Pagano, primo Maciste

In Italia lo attendeva quella lunga ininterrotta serie di trionfi che si concluse con il suo ultimo
film «Giuditta e Oloferne» del 1928. Poi si ritirò, non per l’avvento del sonoro, come molti erroneamente credono. Furono le sue condizioni di salute che gli impedirono di continuare. Continua a leggere

Pubblicato in Personaggi | Contrassegnato , , , | 2 commenti

Le avventure di Bartolomeo Pagano alias Maciste

«Per nove anni, dal 1913 al 1921 — racconta il figlio di Maciste — mio padre fu letteralmente sfruttato. Finito che ebbe di girare Cabiria, non ci fu verso di trattenerlo a Torino. Se ne tornò alla sua Genova, al porto, fra i vecchi compagni di lavoro. Ci volle parecchio prima di riuscire a riportarlo sulle scene. Poi non mantennero le promesse fatte. Si limitarono a passargli ancora e solo la paga corrispondente a quella di portuale…» Continua a leggere

Pubblicato in Personaggi | Contrassegnato , , , , , ,

L’invenzione di Maciste l’uomo forte

«Uscimmo tutti dal porto, sospendendo il lavoro. Eravamo migliaia. Lui davanti che sembrava un pezzo grosso. Lo era infatti». In piazza Caricamento poco mancò che il monumento a Rubattino, il grande armatore ligure che fu il fondatore della flotta commerciale italiana, non fosse schiantato dalla marea travolgente degli scaricatori in delirio. «Non so quante fette di ‘focaccia’ gli fecero mangiare e quanti gotti di bianco dovette bere. Gli avevano fatto molti regali… Continua a leggere

Pubblicato in Personaggi | Contrassegnato , , , , , , | 4 commenti

Maciste e l’uomo forte Bartolomeo Pagano

C’era una volta un uomo… “che la gente di Genova, quando lo vedeva passare per gli stretti “caruggi”, si voltava meravigliata a guardare. E ne aveva motivo. Bertumè non si dava delle arie. Lo sapeva che era diventato una specie di istituzione. Soltanto qualche volta si stupiva che gli altri si meravigliassero. Continua a leggere

Pubblicato in Archivi e Cineteche, film restaurati, film ritrovati, Libri e DVD, Personaggi | Contrassegnato , , , , | 3 commenti